mercoledì 27 febbraio 2013

Risotto al pesto di Valeriana e Totani e qualche passatempo



Ogni tanto rispolvero vecchie ceramiche che neanche mi ricordavo piu' di aver fatto, che mi hanno deluso durante la cottura e smaltatura, inscatolate e nascoste. 
Rimangono li, in disparte. 
Poi durante i rari riordini casalinghi (molto rari aime'), saltano fuori 
e allora penso
...certo...
almeno 
un tempo che fu...
ci provavo
mi applicavo!
 Mi rendo conto di essere come mia figlia ;)  mi stanco velocemente delle cose!!!!
 Su...ragazza... (per modo di dire) un po' di costanza ecchecaspiterina!!!!!!!!!!
Vi chiederete "e cosa centra con un risotto"???? Assolutamente nulla.

  apro una  parentesi sul mio linguaggio "non si sa da dove arrivo"("nulla" uuuuuuuulllala' e qui esce il mio toscano, mi viene da ridere e faccio un appunto perchè mia figlia quatreeenne me lo fa notare .....ormai non sono so piu' quali termini usare, niente, nulla, spengi spegni ahiahiahi!!! ma torniamo al discorso iniziale).

Assolutamente nulla, ma l'ho impiattato li', a mio dispetto, per darmi una svegliata ;)))
Magari  per avere le prove del misfatto sotto al naso, nero su bianco .... 
E dire che una mia amica continua a dirmi di esercitarmi, di riprendere, che lei ha mille idee!!!!! E invece sono ancora qua...... 
e cucino!!


Come passatempo ho usato un foglio di carta trasformato in una tovaglia inventata sul momento per tenere una signorina incollata al tavolo durante la cena, attirare la sua attenzione e stimolare il suo appetito e...insomma, dai, piu' o meno ci sono riuscita! 



Il risotto è uscito dall'utilizzo di  insalata valeriana  che stazionava in frigo da qualche giorno e da due totanetti freschi presi al volo in pescheria al supermercato!
In realta' avevo adocchiato una ricetta nell'ultimo numero di sale e pepe MA....ma...
Semplice ed essenziale:  non avevo gli ingredienti!
Quindi vai di frigo e spremi le meningi ;))

Dosi per 2 persone

Pesto di valeriana:
  • mezza confezione di valeriana
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 1 spicchio di aglio
  • un pizzico di sale grosso
  • poco piu' di 1/4 di bicchiere di olio


Sbollentare in acqua salata, con uno spicchio di aglio, la valeriana (o rucola) che avete in frigo (io ho usato circa la meta' di una piccola busta confezionata, scusatemi, ma ogni tanto la fretta vuole le insalate gia' pronte dandogli solo una sciacquatina) insieme ad un piccolo mazzetto di prezzemolo fresco privato dei gambi.
Scolarlo (tenendo l'acqua di cottura), metterlo in un contenitore dai bordi alti con circa 1/4 di bicchiere di olio extra vergine di oliva e ridurlo in crema con un frullatore ( io ho frullato anche l'aglio sbollentato).

Per il Riso:
  • 4/5 manciate di riso Arborio o Carnaroli( circa 200 gr)
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 2 totanetti (circa 200 gr)
  • mezza cipolla bianca
  • 1-2 acciughine sott'olio
  • olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe


Tritate finemente con un coltello mezza cipolla che farete soffriggere in un tegame con un filo di olio evo.
Unite 4/5 manciate o circa 200 gr di riso carnaroli (o arborio) e fatelo tostare per circa 2 minuti, salatelo e innaffiatelo con mezzo bicchiere di vino bianco. 
Sfumate il vino e portare a cottura il risotto versando di tanto in tanto l'acqua di cottura dell'insalata.
  (p.s.Per i tempi di cottura del riso date un'occhio alla confezione e leggete  qui e qui)

Nel frattempo scaldate una piastra antiaderente, versate un filo di olio e cuocete i totanetti (precedentemente puliti, privi della cartilagine e separando il corpo dai tentacoli) per pochi minuti appena.

Negli ultimi cinque minuti di cottura del risotto  (regolatevi voi assaggiando durante la cottura) versate meta' della cremina ottenuta dalle verdure e i totani scottati. Quando il riso è pronto mantecatelo con un acciughina sminuzzata e regolate di sale e pepe.
Impiattate e finite con il resto della cremina di valeriana.


Buon Appetito!



7 commenti:

  1. Oh Giada mannaggia... Avercele io di "ceramiche così mal riuscite"
    Caspiterina é bellissimo quel piatto!!! Tu sei un fenomeno, ha ragione la tua amica a spronarti... Non che in cucina tu non dia il meglio di te, visto cosa hai tirato fuori con gli avanzi, ehm, ehm!!
    In quanto ai quattrenni, sai bene che ne so qualcosa, anzi a proposito quando li facciamo incontrare?? Non aspettiamo il prossimo T&M vero??.
    Un abbraccio stretto e complimenti per tutto, sei proprio brava, in tutto, il tuo risotto così presentato é superbo!
    Baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anastasia, non cercavo i comlimenti...questo è davvero un modo per ricordarmi delle cose, ma ti ringrazio lo stesso per il conforto ;))
      Per l'incontro basta organizzarci...senza aspettare un secolo in effetti!!
      UN abbraccioa prestissimo!

      Elimina
  2. Che bella presentazione... per un delizioso risotto ^_^
    Mi piacerebbe provarlo. Complimenti anche per le foto !
    Un abbraccio,
    Incoronata.

    RispondiElimina
  3. Trovo tutto così adorabile: il linguaggio, il risotto, la tovaglia "personalizzata" e il vassoio :)

    un abbraccio

    RispondiElimina
  4. ancora mai provata la valeriana in cucina, devo rimediare quanto prima...magnifico il piatto, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  5. Davvero hai fatto tu quel piatto che hai usato per il risotto? Io lo trovo stupendo, altro che uscito male. Forse sei troppo critica con te stessa e dovresti davvero seguire il consiglio della tua amica :)
    Quel pesto di valeriana mi intriga da matti. Il risotto dev'essere delizioso. Un bacio, buona setimana

    RispondiElimina
  6. e finchè c'è la voglia di cucinare...anche co pochi ingredienti si creano capolavori

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...